” Come Ordine dei Medici e degli Odontoiatri – dichiara il presidente Giovanni Pietro Ianniello – non abbiamo informazioni dirette sulla vicenda. 

Quale Ente sussidiario dello Stato, confermiamo la nostra più ampia disponibilità a collaborare con la Magistratura e l’ASL, pronti ad intervenire, laddove fosse accertata una condotta contraria al nostro Codice Deontologico, che pone al primo posto la salvaguardia del diritto alla salute della persona